|
Facebook   Twitter   previsioni meteo tourtour fotografico mail contatti
LogoComune di MenaggioScelta lingua Italiano English Deutsche Francais
Anello intorno alla Grona
<--- Back

   

L'ANNELLO INTORNO A MONTE GRONA

Si tratta di un passeggiata ad anello che inizia a Breglia e segue un tratto del sentiero delle 4 Valli, attraverso la Val Sanagra, un tempo ricca di pascoli e di alpeggi, passando per il bellissimo bosco di Varò. Dall’Alpe Levea ci si alza ai vasti pascoli dell’alpe Nesdale e la sella di S. Amate con vedute mozzafiato del lago.

I- nizio della passeggiata: Breglia 749 m
- Menaggio – Breglia in autobus: linea C13
- Itinerario: Breglia – Monti dosso – Alpe di Varoò –
  Alpe di Levea – Alpe Nesdale – Sella di S. Amate – Breglia
- Durata della passeggiata: ore 7.00
- Dislivello: 900 m
- Segnavia: rosso,bianco,rosso

Percorso: dalla fermata del bus di Breglia si prende a sinistra passando davanti all'albergo Breglia per incontrare l’inizio del sentiero delle 4 Valli, un bellissimo percorso escursionistico di circa 50 km attraverso la Val Sanagra, la Val Cavargna, la Val Rezzo e la Valsolda. Breglia è anche attraversata dalla Via dei Monti Lariani, un percorso escursionistico di 125 km, che da Cernobbio porta in alto lago a Sorico, seguendo mulattiere e sentieri, che collegavano i monti “münt”, piccoli agglomerati rurali disseminati lungo le montagne della sponda occidentale del lago.
Nel primo tratto della nostra passeggiata i due sentieri si sovrappongono e troviamo dunque la segnaletica di entrambi i percorsi: la Via dei Monti Lariani è contrassegnata da bandierine rosse-bianche-rosse sovrastate dal numero 3; mentre Il Sentiero della 4 Valli dal numero 3 barrato.
Lasciato il paese alle spalle ci si inoltra nel bosco fino ad attraversare un ponticello in legno nei pressi della fonte di Troi, dalla quale si prosegue in  salita, fin sotto la colonia estiva di Ponte; quindi si sbuca sulla carrozzabile che porta in discesa a “La Piazza”, distesa erbosa punteggiata da alcune case. Arrivati ad un incrocio dove si trova la cappelletta del Bergum, si prende a destra e subito ancora a destra, lasciando qui la Via dei Monti lariani che invece prosegue diritta. Lo sterrato attraversa i prati per poi entrare nel bosco. Si passa la località Ferée per giungere a Monti Dosso (850 m.) dove si imbocca la carrareccia che scende nella valle. Si prosegue addentrandosi nella Val Sanagra costeggiando lo scosceso versante sud-ovest del Mt. Grona. Con andamento pianeggiante e attraverso ripide vallette si giunge in breve alla località Monti Stanga (872 m) casolari all'ombra di grossi castagni e più avanti, giunti a un bivio sopra i Monti di Tampiglia (864 m), si prende in salita a destra. Con percorso in salita e attraverso alcune vallette, la mulattiera supera, intorno a quota 1000m, il possente costone calcareo che scende dal Monte Grona. Il contrasto tra i due versanti è notevole. Ci si addentra ora in una zona boscosa molto estesa denominata Bosco di Varòo. Passando attraverso alberi di alto fusto si supera con un facile guado la valle Varòo e si esce in una vasta radura poco sotto la baita dell'antica (ora ristrutturata) Alpe Varòo (1141 m. ore 3,00). Si segue in salita (verso ovest) un sentiero fino a raggiungere il costolone boschivo che scende dall'alpe Nesdale. Ci si inoltra in un altro bosco fittissimo ricco di conifere di alto fusto e di faggi e con un percorso pianeggiante prima, e leggermente in discesa poi, si raggiunge il letto del torrente Sanagra (1200 m.), che, in caso di normalità della portata, si guada abbastanza agevolmente. Si risale sul versante opposto con ripido sentiero fino alla strada carrareccia che proviene da Naggio, che si percorrerà in salita per arrivare all’ Alpe Livea  ubicata a 1317 m di altitudine. Da qui un sentiero evidente porta in piano, o quasi, ai ruderi dell'alpe Pisnera (1.355 m) e quindi in discesa (dopo aver attraversato già alcuni guadi), tra cespugli di lamponi, fino al torrente Sanagra. Guadato il corso d'acqua, si procede in mezza costa in direzione sud ovest, fino a prendere il primo sentiero a sinistra che sale ripido, zigzagando nella pineta di abete bianco. Al termine della rampa, ormai fuori dal bosco, si esce nuovamente sui vasti pascoli dell'alpe Nesdale (1.612m). Si continua in costa in leggera salita verso oriente, seguendo l’evidente tracciato, per arrivare alla chiesetta edificata sulla Sella di S.Amate (1.623 m ore 5.30), largo valico erboso sul costone del Bregagno con stupenda vista del Lago di Como. Per il ritorno a Breglia, seguendo la segnaletica, si imbocca il sentiero che si estende in costa lungo il pendio erboso fino a una piccola sella. Da qui si scende fino a raggiungere il bivio con il sentiero che porta da Breglia al rifugio Menaggio (raggiungibile in 25 min.), che si segue a sinistra per arrivare a un piccolo parcheggio appena sopra i Monti di Breglia. Lo si attraversa per riprendere il sentiero che scende ai Monti di Breglia, quindi, seguendo una serie di scorciatoie attraverso il bosco, si giunge nuovamente a Breglia.
 

stampa l'itinerario

Piazza Garibaldi, 3 - 22017 Menaggio Como - email: infomenaggio@tiscali.it Tel. 0344/32924 Fax. 0344/32924
2013 Comune di Menaggio Tutti i diritti sono riservati.