|
Facebook   Twitter   previsioni meteo tourtour fotografico mail contatti
LogoComune di MenaggioScelta lingua Italiano English Deutsche Francais
Il Santuario della B. V. del Soccorso
<--- Back

  

Breve ma suggestiva passeggiata con partenza da Lenno e salita al Sacro Monte di Ossuccio, che lungo la Via Crucis, costituita da quattordici cappelle con statue a grandezza naturale, conduce al Santuario della Madonna del Soccorso. Questo raro esempio di via Crucis nel 2003 è entrato far parte del patrimonio dell’Unesco.

ITINERARIO: Lenno - Santuario Madonna del Soccorso – Ossuccio – Campo - Lenno
DISLIVELLO: 200 m.  
DURATA TOTALE ORE: 1.30
DIFFICOLTA’: facile
COLLEGAMENTI:  per Lenno:  in battello, aliscafo,  in autobus - C10, 

Dall’imbarcadero di Lenno si segue il lungo lago a sinistra (Viale C. Lomazzi) fino a raggiungere la piazza XI Febbraio, dove si trovano la chiesa di S. Stefano e l’antico battistero ottagonale, databile alla seconda metà dell’XI secolo. Si attraversa la statale tramite un sottopassaggio, quindi ci si dirige a sinistra e appena oltrepassato l’ufficio postale (poco distante dalla fermata del bus) si imbocca il viottolo a sinistra per il Santuario della B.V. del Soccorso.
Il viottolo sale leggermente, dopo aver passato "La Cooperativa", si prosegue per circa 50 metri e si volta a sinistra passando davanti alla chiesa della Santissima Trinità. Dopo circa 20 metri, al bivio, si volta a destra per  Via Don Cadenazzi  per poi imboccare Viale Libronico a sinistra. Proseguendo sempre diritto si ignora il bivio per l'Abbazia dell'Acquafredda, fondata nel 1153., che si può intravedere in alto sulla destra. Al prossimo bivio, girare a destra (seguendo le indicazioni) per sbucare su una stradina, che si segue a destra (a sinistra si trova il nucleo storico di Molgisio); al bivio successivo, dal quale si può già vedere la prima cappella, si prende a sinistra ignorando la Via ai Monti. Le cappelle del Sacro Monte racchiudono scene rappresentanti i fatti della vita di Gesù e della Madonna e sono raffigurati con affreschi e statue in stucco e terracotta di grandezza naturale. Esse furono realizzate tra il 1635 e il 1714 ad opera di vari artisti comaschi e ticinesi. La prima cappella è dedicata all'annunciazione dell’Angelo a Maria Vergine, da qui comincia la salita della Via Crucis che lungo un viale acciottolato, abbellito da maestosi platani, conduce al Santuario. Una cappelletta in frazione Molina custodiva una statua della Madonna col Bambino, la quale fama miracolosa indusse a fondare nel 1537 una più ampia chiesa per custodirla. Il sacro Monte di Ossuccio nel 2003 fu dichiarato Patrimonio dell’Umanità. Dopo la visita alla chiesa si torna sui propri passi fino ad arrivare alla IV cappella dedicata alla presentazione del bambino Gesù al Tempio (nei pressi del bar Riposo), si prosegue diritto tenendo la sinistra per passare dopo 30 metri accanto alla Locanda Garzola e poi, in discesa, sulla strada asfaltata per circa 800 m per arrivare alla chiesa di St. Eufemia e Vincenzo. Questo edificio, oggi chiesa parrocchiale venne costruito dopo che l’omonima chiesa che sorgeva sull’Isola Comacina, venne distrutta nel 1169. Si volta a sinistra passando sotto il campanile, si scende a sinistra superando l’ufficio postale. Attraversata la statale, 20 metri più avanti, si prende la stradina sulla destra che conduce dinnanzi al cancello della bellissima Villa Balbiano caratterizzata dagli intriganti giochi d’acqua del suo parco, quindi si oltrepassa il fiume della Val Perlana attraversando un ponticello, si entra nel nucleo storico di Campo e qui, imboccata la Via Regina, si giunge davanti al portone della Villa Monastero che sorge sulla base di un’ antico convento di suore Benedettine. Ora si prosegue a sinistra (si raccomanda, prima di prendere la sinistra, di scendere brevemente sulla destra per giungere ad un suggestivo punto panoramico sul lago) e seguendo la scalinata in salita si supera l’antico ponte pedonale sopra la statale, sul tratto della Vecchia Strada Regina, si prosegue diritto e dopo circa 300 metri si giunge di nuovo sulla statale, la si attraversa per imboccare subito dopo il proseguimento della Vecchia Regina. Giunti al bivio riconoscibile dalla presenza di una fontana, si imbocca il Vicolo Guido Delmati sulla destra (mentre sulla sinistra prosegue la Vecchia Regina), dopo alcuni metri sulla sinistra vi è una torre eretta probabilmente per motivi di controllo sul passaggio e adibita alla riscossione dei tributi. In breve si giunge sul lungolago nel bellissimo Golfo di Venere che si costeggia a sinistra per poi arrivare di nuovo nella piazza di Lenno.
Si ricorda che sulla punta del promontorio Lavedo si trova villa Balbianello costruita alla fine del 1700 per il Cardinale Durini. L’ultimo proprietario fu l’esploratore conte Guido Monzino che collocò nella villa le sue collezioni d’arte e i ricordi dei suoi viaggi e esplorazioni. Per lascito testamentario, la villa è passata al Fondo Ambiente Italiano ed è visitabile da metà marzo a fine Ottobre dalle 10 alle 18. Chiusura: lunedì e mercoledì.  Dal Lido di Lenno è istituito un regolare servizio di motoscafi per accedere alla  villa. Solo nei giorni  di martedì sabato e domenica, è consentito l’accesso a piedi  Tel. 0344 56110

Stampa l'itinerario

cartina

 

 

 

 

Piazza Garibaldi, 3 - 22017 Menaggio Como - email: infomenaggio@tiscali.it Tel. 0344/32924 Fax. 0344/32924
2013 Comune di Menaggio Tutti i diritti sono riservati.